I peggiori virus: come si trasmettono e quali sono

I peggiori virus

I peggiori virus: come si trasmettono e quali sono

I virus sono organismi microscopici che esistono quasi ovunque sulla terra. Possono infettare animali, piante, funghi e persino batteri… Questi variano in complessità e sono costituiti da materiale genetico, RNA o DNA, circondato da un rivestimento di proteine, lipidi (grassi) o glicoproteine.

Parlare di virus può diventare complicato perché ognuno è diverso da un altro. Alcuni virus possono ucciderti sul colpo, altri ti rendono più vulnerabile ad altre malattie, mentre altri possono causare altre reazioni avverse.

Un’altra complicazione quando si parla questi è che colpiscono i vari organismi in modo diverso. Ad esempio, l’influenza C ha un effetto quasi mortale sugli uccelli, ma procura agli esseri umani un lieve raffreddore. Vediamo brevemente come si trasmettono e quali sono i peggiori.

Come si trasmettono i virus?

Lo scopo genetico di questi è quello di riprodursi. Sono spietati ed efficienti in questo scopo. Questi più efficaci hanno un alto tasso di trasmissione: ad esempio, si riteneva che il Covid-19 si diffondesse così rapidamente perché aveva un punteggio R di 1,4. Ciò significa che ogni persona che l’ha presa rischia di infettare almeno altre 4 persone.

Ogni virus si diffonde in modo leggermente diverso, ecco alcuni esempi di come possono essere diffusi:

  • Tocco
  • Scambio di fluidi corporei (saliva, sangue, sudore, sperma)
  • Patogeni trasportati dall’aria (da starnuti e tosse)
  • Contaminazione del cibo
  • Morsi di insetto
  • Acqua contaminata

Alcuni virus possono vivere al di fuori di un organismo per molti giorni. Ciò significa che possono essere trasferiti su un oggetto e sopravvivere su di esso finché un altro organismo non lo tocca di nuovo.

Il periodo di incubazione è quello che gli scienziati chiamano il momento in cui il virus inizia a riprodursi nel corpo dell’ospite.

Quali sono i peggiori virus?

Ebola

Il virus Ebola ha sintomi come emorragia, febbre, disidratazione. Nell’ultimo decennio, abbiamo assistito a gravi epidemie di virus Ebola nell’Africa occidentale, con decine di migliaia di morti.

Il virus Ebola ha un tasso di mortalità compreso tra il 25-93%. Nei paesi sviluppati c’è circa il 50% di possibilità di sopravvivenza. Può anche essere trasmesso dai pipistrelli della frutta all’uomo e da persona a persona attraverso lo scambio di fluidi corporei. Non esiste un trattamento autorizzato per il virus Ebola.

Rabbia

La rabbia provoca circa 57.000 morti all’anno in tutto il mondo. I suoi sintomi includono febbre, paralisi, salivazione eccessiva, allucinazioni e caduta in coma.

C’è una vaccinazione antirabbica e alcuni paesi raccomandano di provvedere a vaccinarsi prima di visitarli. La fonte più comunemente nota di rabbia sono i cani rabbiosi. Ma ci sono anche alcuni altri animali che possono infettare l’uomo, compresi alcuni pipistrelli in Australia.

HIV

L’HIV (virus dell’immunodeficienza umana) è un virus che non ha cura. Quando non viene trattato, l’HIV può trasformarsi in AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita). Una volta che qualcuno sviluppa l’HIV, lo avrà per tutta la vita. Sebbene l’HIV non possa essere curata, negli ultimi anni è stato sviluppato un trattamento per tenere sotto controllo il virus.

L’AIDS e l’HIV attaccano il sistema immunitario, creando un ambiente in cui possono prosperare tumori e virus mortali. Senza trattamento il malato medio sopravvive solo per 8-9 anni.

Vaiolo

Il vaiolo è stato uno dei primi virus per cui è stato sviluppato un vaccino. L’ultimo caso naturale di vaiolo si è verificato nel 1977 e nel 1980 l’OMS ha dichiarato che il virus è stato sradicato in tutto il mondo. Nel 1967, prima dell’introduzione della vaccinazione, nel mondo si registravano ancora 15 milioni di casi di vaiolo all’anno.

Hantavirus

L’hantavirus è un virus che si contrae quasi interamente dopo aver inalato le feci dei roditori. Fino al 2019 la trasmissione da uomo a uomo non era ritenuta possibile fino a quando non è stato registrato un caso in quell’anno in Sud Africa.

I sintomi dei ceppi di Hantavirus includono febbre, dolori addominali, sanguinamento sottocutaneo seguito da un calo della pressione sanguigna. In molti casi la malattia è fatale.

Influenza

Si ritiene che ci siano oltre mille varianti dell’Influenza che rientrano in 4 categorie principali – A, B, C e D. Tra i 3-5 milioni di casi di Influenza si registrano all’anno tra gli esseri umani – con 650.000 decessi che si verificano ogni anno a causa del virus.

Ci sono vaccinazioni antinfluenzali che vengono effettuate ogni ogni perché appare almeno un nuovo ceppo. Alcuni dei ceppi possono passare attraverso le specie: l’epidemia di influenza suina del 2009 ne è un buon esempio.

SARS-CoV

SARS-CoV (o coronavirus della sindrome respiratoria acuta grave) è un virus che attacca le cellule epiteliali dei polmoni.

Un focolaio di SARS-CoV in Asia meridionale nel 2003 ha portato a stabilire che il coronavirus fosse la causa della SARS. Un nuovo ceppo di SARS-CoV, SARS-CoV-2, è ciò che ha causato il nuovo focolaio di coronavirus iniziato nel 2019.

Uno dei principali pericoli della SARS-CoV è che rende il malato più vulnerabile a batteri come la polmonite.

Potete leggere molto di più sul nostro blog