Cosa sono i nanoanticorpi nanoanticorpi

Cosa sono i nanoanticorpi?

What are nanoantibodies?

Molte persone si chiedono cosa sono i nanoanticorpi? I nanoanticorpi are a type of camelid-derived antibody, being much smaller than the usual antibodies, each of which is a conglomerate of two heavy chains and two heavy chains. ligercome, intricatamente ripiegato e legato a zuccheri complessi. In altre parole, i nanoanticorpi sono minuscoli frammenti VHH prodotti in modo ricombinante e legati all’antigene, derivati dall’anticorpo IgG della catena pesante di alpaca (HCAb).

nanoanticorpi

Il dominio VHH rappresenta il più piccolo frammento di anticorpo necessario per legarsi specificamente a un antigene con affinità eccezionalmente alta.

Come posso usare un nanoanticorpo?

In breve, quasi qualsiasi forma!

I nanoanticorpi sono disponibili in una varietà di formati. Sono allevati contro una gamma abbastanza varia di antigeni, rendendoli strumenti molto versatili, in grado di essere utilizzati in una varietà di situazioni diverse.

Gli usi più comuni per i nanoanticorpi sono esperimenti che probabilmente ti sono già familiari, come l’immunoprecipitazione o la microscopia a fluorescenza.

Ci sono anche una manciata di applicazioni in cui l’uso di un nanoanticorpo è fattibile, ma l’uso di un anticorpo convenzionale sarebbe impraticabile o impossibile.

Differenza tra i nanoanticorpi e i tradizionali anticorpi monoclonali o policlonali

  • Più consistente
  • Maggiore affinità
  • Più facile da usare

 

I nano-corpi sono offerti in una varietà di formati, tra cui Nano-Traps, Nano-Boosters e Chromobodies®.

Cos'è una nano-trappola?

Le nano-trappole sono nano-corpi che sono stati coniugati con agarosio o perline magnetiche per facilitare immunoprecipitazioni più pulite, veloci e semplici.

Le nano-trappole sono disponibili in una varietà di formati e hanno come target una serie di tag comuni, tra cui la proteina fluorescente verde (GFP), la proteina fluorescente rossa (RFP), Myc, GST e MBP.

Sono disponibili anche nano-trappole per DNA metiltransferasi (Dnmt-1), p53 e PARP-1 per l’immunoprecipitazione di proteine non marcate ed espresse endogenamente.

nano-trap

Le nano-trappole permettono di eseguire esperimenti IP con un throughput eccezionalmente elevato e senza contaminazione delle catene pesanti o leggere degli anticorpi.

Le nano-trappole migliorano significativamente i protocolli IP convenzionali, vedremo alcuni miglioramenti:

  • Più veloce (circa la metà del tempo richiesto per un IP di anticorpi)
  • Più pulito (nessuna contaminazione di anticorpi della catena pesante o leggera)
  • Più coerente (reagenti ricombinanti per la stessa interazione ogni volta)
  • Maggiore produttività (costanti di affinità da picomolare a nanomolare per GFP e RFP-traps®)

Per facilitare una maggiore versatilità nella metodologia IP, tutte le nano-trappole sono coniugate con perline di agarosio, perline ferromagnetiche o perline agarosio/magnetiche.

I ricercatori negli Stati Uniti e in Europa occidentale ricevono le trappole GFP e RFP il giorno dopo l’acquisto da antibodies-online.

Cos'è un Nano-Booster?

I Nano-Booster utilizzano la potenza del nano-corpo per migliorare, modulare o riattivare il debole segnale fluorescente di una proteina fluorescente.

Un Nano-Booster è composto da un nano-corpo, mirato a GFP o RFP, e coniugato con un colorante ATTO ultra-luminoso.
Le proprietà fluorescenti naturali di GFP sono potenziate dal colorante ultra-luminoso ATTO-488 accoppiato al GFP-Booster® ABIN509419.

I coloranti ATTO sono stati scelti specificamente per l’uso con il Nano-Booster a causa del loro segnale eccezionalmente luminoso, la migliore fotostabilità della categoria e lo spostamento Stokes stretto.

Le tecniche di imaging di prossima generazione, come la microscopia di super-risoluzione, richiedono sonde fluorescenti luminose e fotostabili.

I Nano-Booster possono fornire il “signal boost” necessario per rendere le proteine fluorescenti come la GFP luminose e stabili per la microscopia di super-risoluzione.

Cos'è un Chromobody®?

I Cromobodies® sono nuovi strumenti per l’etichettatura fluorescente intracellulare delle cellule viventi.

I Chromobodies® sono proteine di fusione che contengono un nano-corpo che ha come target la tua proteina di interesse e una proteina fluorescente luminosa e fotostabile.

Poiché i nano-corpi sono prodotti da DNA ricombinante, puoi generare i Chromobodies® direttamente, proprio all’interno della cellula che vuoi marcare. Nessun protocollo di fissazione o etichettatura ingombrante, frustrante o dispendioso in termini di tempo.

Basta iniziare con il plasmide Chromobody® appropriato, trasfettarlo in una linea cellulare compatibile e utilizzare l’immunomarcatura intracellulare persistente in cellule vive.

Chromobodies® utilizza le tue stesse cellule per produrre i nano-corpi che marcano la tua proteina di interesse.

Non sono necessarie né la fissazione né ulteriori fasi di colorazione. Infine, l’immunomarcatura intracellulare in cellule vive è una strategia praticabile.

Struttura dei nano-corpi

I nano-corpi sono anche chiamati anticorpi a dominio singolo o anticorpi VHH perché consistono di un solo dominio variabile (VHH) della catena pesante di un anticorpo. I nanocorpi sono peptidi di circa 110 aminoacidi di lunghezza.

I domini VHH hanno quattro regioni quadro (FR) e tre regioni ipervariabili (HV) o regioni determinanti la complementarità CDR. Le CDR o HV hanno un’alta percentuale di variabilità aminoacidica in una posizione, e sono le regioni coinvolte nel legame con l’antigene, poiché entrano in contatto con la superficie dell’antigene.

HHV ha quattro sostituzioni di aminoacidi nella regione FR2 alle posizioni 37, 44, 45 e 47. L’FR2 del VH convenzionale non ha queste sostituzioni ed è coinvolto nella formazione dell’interfaccia idrofobica con il dominio VL.

Applicazioni dei nano-corpi

Le principali applicazioni in cui si stanno studiando i nanoanticorpi sono il trattamento delle malattie umane interagendo con specifici enzimi tossici o bloccando le interazioni molecolari.

Nel campo dell’oncologia, i VHH sono usati per interrompere le interazioni molecolari o la lisi delle cellule oncogene. Per uccidere le cellule tumorali, il VHH si lega all’antigene carcinoembrionale che serve da marcatore per la β-lattamasi, trasformando un prodrug non tossico in un farmaco che è tossico per la cellula tumorale.

L’applicazione biotecnologica dei nanoanticorpi è potenzialmente fattibile, un esempio è la marcatura dell’antigene nelle cellule viventi applicando specifici nanoanticorpi fluorescenti alle proteine endogene.

Leggi di più nel nostro blog